La storia di Naki’o, “il cane bionico”

Per i non anglofoni ho tradotto l’intero servizio quanto più testualmente possibile, potete trovarlo qui sotto.

———————————————————

Naki’o era solo un cucciolo quando fu trovato nello scantinato gelido di un’abitazione abbandonata.

– NdR, Christie Pace è la ragazza che ha adottato Naki’o –

Christie: “Sua madre era morta nella casa ed infatti lui da rimasto da solo, gelato in una pozzanghera”

Portato ad un centro assistenza animali perse le zampe e la punta della sua coda a causa del gelo. Senza casa, ferito e con difficoltà motorie, era proprio il tipo di cane che Christie Pace, un’assistente veterinaria, stava cercando.

Christie: “Generalmente ho un debole per aiutare animali in difficoltà e stavo cercando qualcosa di diverso, in cui potevo fare di più la differenza, ed anche un cane”

Ma non poteva immaginare come fare la differenza finchè non vide un cane su una ginocchiera nella sua clinica. Raccolse i fondi per pagare delle protesi per le gambe posteriori di Naki’o e poi riuscì ad ottenere un’offerta per farsene produrre due in più, gratuitamente, per le zampe anteriori di Naki’o.

– NdR, Martin Kaufman è il titolare della ditta che ha prodotto le protesi –

Martin: “Quando vedemmo quanto era migliorato grazie alle sue protesi per le zampe posteriori e quanto si stesse impegnando per usare le zampe anteriori, è stato molto semplice dire -dobbiamo andare fino in fondo con lui, potrebbe andare molto meglio per lui con tutte e quattro le protesi-“

Guardate solo com’è Naki’o adesso. Negli ultimi anni la ricerca veterinaria è avanzata a salti, non solo nell’ambito delle protesi, ma anche degli impianti: barre metalliche fuse direttamente sulle ossa dell’animale e collegate ad una zampa artificiale. Solo poche settimane fa, un Husky siberiano di nome Zeus ha avuto la sua prima zampa anteriore curata dalla facoltà di veterinaria della North Carolina State Univeristy.

Naki’o ha accettato le nuove gambe come se fossero le sue.

– NdR, Patsy Mich è una delle veterinarie che ha eseguito l’operazione –

Patsy: “Vedere Naki’o camminare con tutte e quattro le gambe in quel modo mi ha fatto pensare -come posso non amare il mio lavoro!-“

In questi giorni Naki’o sta facendo molto più che andare a passeggio.

Christie: “E’ sempre stato un cane felice, certamente volevo che fosse più normale – per modo di dire – e di portarlo a passeggio con il mio altro cane senza avere un assistente che lo portasse in braccio e cose del genere.”

[AS]