Il nostro ricordo di Marco Mucciarelli

E’ stato il terremoto che ci ha unito. Una sintonia che in quei drammatici giorni del sisma d’Emilia del 2012 è risuonata chiara e si è protratta a lungo. Lui sui terremoti aveva tanto da dire, e in quegli anni parlava molto, era uno degli esperti più autorevoli ed accreditati. Lo faceva in maniera non conformista, accattivante, intelligente, tanto da saper affascinare chiunque lo ascoltasse.

Sapeva coinvolgere e raccontare con passione la sua, la nostra, amata Scienza. Ci colpiva la sua umanità, la sua modestia, la sua capacità di saper vedere nelle macerie la prospettiva di una ricostruzione saggia. Era un uomo saggio Marco, un uomo che aveva fiducia verso la Scienza.

Ce lo presentò Gilberto Bonaga, era suo amico.
Assieme organizzammo diversi eventi, ricordiamo ancora oggi con un sorriso l’ultima volta che dopo un evento all’università di Bologna siamo andati a bere qualcosa in piazza Verdi.
Il sole era già tramontato e la sera stava calando, la piazza si stava riempiendo di vita e Marco disse che Bologna è molto bella e che sarebbe ritornato volentieri.
Siamo rimasti che non era un addio, ma un arrivederci.
Purtroppo ci sbagliavamo.

Di lui finora ci restano gli insegnamenti.
Ci ha insegnato ad aprire gli orizzonti, a muoversi e andare dove accadono le cose.
Che la scienza deve essere divulgazione ma anche empatia.
Che per avvicinarci ai cittadini bisogna lavorare con loro, come lui collaborava attivamente con il progetto Io non rischio con la Protezione civile, per dirne uno.
Perché parlare di scienza non basta, bisogna fare attività concrete e lui le faceva con il suo lavoro, i convegni a cui partecipava, il suo blog e le attività che seguiva.
Non era mai fermo, non si stancava mai di studiare, elaborare, confrontarsi e divulgare.
Solo la malattia lo ha fermato, e noi restiamo attoniti a fare i conti con il dolore della sua prematura perdita e l’orgoglio di averlo conosciuto.

[AC]

Io Vaccino a Montecitorio

Roma, 26 ottobre 2015 – Il Presidente di Minerva Si Hui Elisa Chen, Miriam Maurantonio di Consigli da Mamma a Mamma e Pierdomenico Memeo sono stati invitati alla XII Commissione (Affari Sociali) nell’ambito del dibattito sulla risoluzione della deputata D’Incecco “Iniziative in materia di vaccinazione” in rappresentazione dell’iniziativa#IoVaccino NO alla #Disinformazione. Il Presidente di Minerva è stata portavoce del gruppo.

Per vedere l’intervento cliccare qui.

Per vedere il video completo della Commissione cliccare qui.

Di seguito il trascritto del discorso.

 

Onorevoli,

Buonasera.

Mi chiamo Si Hui Elisa Chen e sono stata invitata in qualità di membro ed esperto del gruppo facebook Consigli da Mamma a Mamma. Una realtà creata da Miriam Marautonio il 10 Giugno 2013 come punto di incontro e confronto per le mamme. Il gruppo è affiancato da un team multidisciplinare di esperti che comprende figure quali pediatri, divulgatori, medici, biotecnologi, ostetriche, pedagogisti e avvocati. Consigli da Mamma a Mamma è una delle poche realtà web dove le mamme possono trovare informazioni verificate, in linea con le direttive nazionali e internazionali dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), del Ministero della Salute e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Ad oggi il team di esperti è costituito da una trentina di persone tra i quali:
– il Dottor Roberto Burioni medico e professore di virologia e microbiologia alla facoltà di medicina dell’Università San Raffaele di Milano;
– il Dottor Salvo di Grazia medico ginecologo e divulgatore alias MedBunker;
– il Dottor Francesco Marinelli medico pediatra, primo esperto del team;
– il Blogger Michelangelo Coltelli e il Dottor Pietro Arina della pagina web Bufale un Tanto al Chilo.

Le vaccinazioni pediatriche sono sempre state motivo di accese discussioni nel gruppo: le mamme si sentono abbandonate nella scelta vaccinale e non supportate dalla corretta informazione da parte delle istituzioni, trovandosi ad informarsi autonomamente sul web. Consigli da Mamma a Mamma si è posto fin dal principio a favore dei vaccini, riconoscendo le evidenze scientifiche e i consigli degli esperti come punto di partenza per la scelta vaccinale. Per questo, al suo interno sono presenti realtà che si occupano del tema, come alcuni membri del #TeamVaxItalia; team nato il 2 Ottobre a Fano durante il convegno  sulla comunicazione della scienzaorganizzato dall’ASL Marche e dalla Società Italiana d’Igiene (SItI) per contrastare la disinformazione sui vaccini.

In contemporanea con la pubblicazione dei dati dell’ISS sul calo della copertura vaccinale, Alice Pignatti, membro del gruppo, ha avviato una petizione rivolta al Ministero della Salute per reintrodurre l’obbligatorietà delle vaccinazioni pediatriche nelle comunità scolastiche. Alice è mamma di una bambina che a soli 40 giorni ha contratto una malattia per cui esiste il vaccino.

Per supportare la petizione, Miriam ed io abbiamo deciso di lanciare una campagna di sensibilizzazione chiamata #IoVaccino NO alla #Disinformazione. L’iniziativa ha avuto un enorme visibilità mediatica che ha portato a raccogliere 28’700 firme in sole tre settimane. Obiettivo della nostra campagna era di dare voce a chi confida nelle Istituzioni e nella Scienza e dare la possibilità anche a chi è a favore, di sentirsi parte di una comunità. Inizialmente hanno aderito oltre alle mamme anche realtà social network che ci hanno permesso di rendere l’iniziativa virale, focalizzando l’opinione pubblica sul tema. La voce della mamme è stata ascoltata dai media e hanno avuto spazio su giornali e programmi televisivi nazionali come OpenSpace, Fatti Vostri e Rai news.

Oggi, il disorientamento dei genitori sulle vaccinazioni è particolarmente sentito ed anche le istituzioni si sono rese conto della necessità di far fronte a questo problema. Come portavoce del gruppo sottolineo la necessità di prendere provvedimenti urgenti per contrastare il calo delle vaccinazioni mediante un più perentorio rispetto dell’obbligo e l’introduzione di misure supplementari per il suo vigore. Ricordo che vaccinare è un atto di amore verso i nostri figli e una responsabilità sociale che si richiama al senso civico di ognuno di noi.

Inoltre, ad aggravare la situazione, sono presenti all’interno del sistema sanitario professionisti che, in aperto contrasto con la politica delle istituzioni locali, sconsigliano le vaccinazioni e instillano dubbi infondati nelle mamme, mettono in completa discussione i piani vaccinali concordati dal Ministero della salute e dalle regioni. È necessario lavorare anche su questo fronte offrendo alle mamme esperti di cui fidarsi.
Nel confronto tra le mamme si è evidenziato l’assenza di un’offerta vaccinale uniforme a livello nazionale. Il federalismo della sanità risulta determinante in questa disomogeneità sul territorio.

Le iniziative di Consigli da Mamma a Mamma hanno mostrato come i genitori siano disposti a mettersi in gioco per la salute dei propri figli e per la società. Siamo stati in grado di creare una nuova comunità riunita sotto il nome di #IoVaccino, dove il cittadino, lavora al servizio della collettività. Concludo quindi con l’auspicio di future sinergie tra genitori e istituzioni per migliorare la comunicazione e per stimolare il reciproco senso di responsabilità.

Vi ringrazio a nome del gruppo dell’attenzione e dell’opportunità che ci avete offerto.

Maicolengel: L’informazione dietro la bufala

Minerva incontra Maicolengel, fondatore del sito web Bufale un Tanto Al Chilo (BUTAC).

11084189_357245864469793_8436239737323731205_o

D: Raccontaci chi sei e com’è cominciata la tua attività in Butac.
R: Mi chiamo Michelangelo Coltelli ma nella vita online sono maicolengel, ho 42 anni, bolognese, sposato con 2 figli.
Nella vita ho sempre avuto più di un’occupazione: a 15 anni studiavo e collaboravo con un amico più grande che bazzicava con i computer, a 19 iscritto a Scienze Politiche continuavo a bazzicare il mondo informatico e a 21 collaboravo alla realizzazione di alcuni dei primi siti Internet del web italiano.
Nel 2013 ho aperto la prima pagina su FB di Bufale un tanto al chilo, da cui è partita l’avventura. “Sbufalavo” solo per gli amici, ma a furia di condivisioni tanta gente sconosciuta mi chiedeva l’amicizia quindi prima ho aperto un piccolo blog che si chiamava ancora Bufaleuntantoalchilo, poi è arrivato Butac come lo conoscete oggi.
La leva che mi ha portato ad aprire Butac è stato il vedere quanta disinformazione medica c’era in rete in merito ai vaccini, avevo un figlio che dovevo vaccinare, e per curiosità mi ero letto qualcosa, rimanendo davvero sconvolto da ciò che saltava fuori ad una semplice ricerca con google: nessuna delle fonti serie era tra i primi risultati, tutto ciò che vedevo era terrorismo mediatico CONTRO qualcosa che sapevo faceva bene!
Mio padre è un chimico industriale, nonno era un neuro psichiatra (di quelli che misero in dubbio le stigmate di Padre Pio per capirci), la famiglia da parte di mia madre è da almeno 60 anni impegnata in campo medico, ed io, pur non avendo fatto studi in merito, sapevo a grandi linee di cosa si parlava e rimanevo sempre più allibito da quel che vedevo veniva passato come oro colato da pagine disinformative.
Esistevano già altri ben più bravi di me a s-bufalare queste cose (Medbunker fra tutti per la medicina, insieme a Dario Bressanini e Paolo Attivissimo per le bufale generiche), ma i loro blog non sono fatti per l’utente medio della rete web, non sfruttano i social come dovrebbero, non riescono a fare venire fuori le notizie se non sulle pagine di chi non ha bisogno di esser convinto…ecco io volevo raggiungere quelli, quindi usare toni e immagini adatte al pubblico nazional popolare del web!

D:“Nell’era dell’informazione l’ignoranza è una scelta” ma l’avvento di internet non ha impedito il calo delle bufale (anzi, si può dire la abbia amplificate), come mai?
R: La rete amplifica tutti gli estremismi, e in un paese come il nostro dove anche oggi nel 2015 esiste una fitta rete di maghe e stregoni, era ovvio che il web venisse usato anche per trasmettere disinformazione medica.
Ogni singolo post che disinforma sulla medicina ha alle sue spalle attività commerciali floride. “Gente che campa vendendo fuffa”, che sia editoriale, o veri e propri medicamenti bufalari. 
Quindi tante delle bufale che circolano in rete girano per motivi commerciali.
Poi a questo sommiamo il fatto che per ora in Italia la rete è vista come il Far West dell’informazione, l’ordine stesso dei giornalisti guarda poco le notizie che i suoi associati postano nelle loro edizioni online, e una notizia bufala genera spesso più traffico della cruda realtà.
Quindi c’è chi disinforma per vendere un prodotto commerciale, chi lo fa per creare proseliti alla propria fazione politica, religiosa, “complottara” e chi lo fa solo ed unicamente per generare traffico.

D: Quali sono le “tecniche” per riconoscere una bufala?
R: Non c’è una tecnica vera e propria, ma solamente un vero fact checking, quello che alcuni sedicenti giornalisti dovrebbero tornare a studiare di sana pianta.
Il primo segnale della bufala è la mancanza delle fonti, specie nelle notizie online, dove linkare le fonti è facilissimo.
Se chi scrive un articolo omette quei link, spesso uno dei motivi è proprio quello che sa che lo sbugiarderebbero, oppure, più semplicemente, le fonti risultano proprio inesistenti.

D: Spesso contestare una notizia falsa produce in risposta “nel dubbio, condivido”; quali possono essere i motivi per non diffondere una bufala e le possibili conseguenze?
R: Tanti di quelli che fanno così fanno parte della schiera degli analfabeti funzionali, non in grado di capire che una notizia condivisa migliaia di volte rischia in futuro di venire presa per buona a prescindere.
In Italia quel tipo di analfabetismo è molto diffuso, anche tra chi ha un livello culturale più alto della media. 
Il problema è che nessuno insegna ad usare la rete nella maniera corretta, nessuno si occupa di spiegare i meccanismi che s’innescano una volta che si clikka su “Condividi”…e così il danno si fa in 5 minuti.
<<Eh vabbé, ho condiviso una bufala, che male farà?>>
Questa è una delle risposte che ricevo più spesso quando segnalo ad amici e conoscenti che la notizia è errata. Per fortuna il trend del debunking sembra in crescita, più colleghi per noi e più fonti da cui attingere. Ma gli algoritmi di facebook fanno ancora brutti scherzi a volte.

D: Qualche consiglio per sviluppare lo spirito critico?
R: Su Butac abbiamo pubblicato numerose guide per affinare il proprio spirito critico, ma è difficile far capire alla gente i concetti base, quando non si è abituati.
Se una notizia gira su facebook e ti dicono che viene censurata, sai già che stanno mentendo, visto che tu quella notizia l’hai vista su un normale social network senza accorgimenti di alcun tipo; già da quello puoi capire che si tratta di una notizia falsa.
Verificare però la fonte delle notizie è sempre l’unica via possibile, certo che in certi casi basta un po’ di logica, senza grossi bisogni di scavare nella rete, ma nella maggior parte dei casi per smontare una bufala serve poco!
Una regola che spesso dico ai ragazzi che si sono avvicinati a Butac per aiutarmi è questa: prima di perdere tempo in complessi confronti di dati e difficili ricerche in studi pubblicati su testate di dubbio gusto, verificate gli autori.
Se quelli sono in partenza personaggi di dubbia credibilità, beh potete risparmiarvi buona parte della confutazione.
Per fare un esempio, gira da oltre un anno in rete l’esperimento del “dottor Masaru Emoto”…il cui titolo di “dottore” è stato comprato in una Università aperta di Mumbai… Quindi è un benemerito signor nessuno, senza alcun titolo valido in nessuna parte del mondo (se non fra le mura della suddetta “università”) stare a sbufalare i suoi esperimenti è solo una perdita di tempo.
Internet è una grandissima cosa, ci permette confronti prima impossibili; ci permette comunicazioni in tempo reale con tutto il mondo, lo strumento web ha (e avrà sempre di più) un ruolo di primo piano nella rivoluzione mentale che sta attraversando il mondo, ed è per questo che credo che ruoli come il mio siano importanti.
La deriva del complottismo è pericolosa, scalda gli animi usando la menzogna, e questo non va bene. Ci hanno provato anche in Italia ad usare lo strumento web per fomentare “rivoluzioni” vedi il movimento dei forconi, ma l’hanno fatto in maniera scorretta, spargendo tonnellate di informazioni errate, distorte, create ad hoc per fomentare lo sdegno in chi le leggeva, convincendoli di cose errate.
Bisogna che i politici si accorgano di tutto ciò che capiscano che il web non è più solo un giardinetto dove giocano i bimbi, ma è diventato la piazza virtuale del mondo intero, non stare attenti a fare corretta informazione può fare danni, anche grossi.

Di seguito il link della pagina ufficiale di BUTAC: http://www.butac.it/

 

Antonio Lazzari: Energie Rinnovabili tra miti, realtà e prospettive future

10325734_236033883257659_9013844239081076956_n

Il 20 Maggio, alla conferenza sulle Energie Rinnovabili “Energie Rinnovabili tra miti, realtà e prospettive future”, organizzata da Minerva, il Dott. Antonio Lazzari ci parlerà di eolico e minieolico.

Il Dott. Lazzari si è laureato in Scienze Ambientali all’Alma Mater di Bologna ed è un esperto nella gestione di sistemi di sicurezza, qualità e ambiente nelle piccole e medie imprese.

“Minieolico, questa piccola grande risorsa, ma anche sconosciuta e incompiuta.”  Così inizia Lazzari a parlarci del minieolico, tecnologia che in Italia potrebbe essere la risposta a tanti problemi energetici , ma che è sostanzialmente sconosciuta ai più. Parlando di minieolico ci si riferisce a piccoli impianti, solitamente non superiori ai 30 metri, con meno di 200KW/h di potenza che producono energia sfruttando il vento.
Il dottor Lazzari ci parlerà delle innovazioni tecnologiche in questo campo, della direzione che sta prendendo il mercato oggi e di come sfruttarla.
Ci parlerà successivamente anche del perché in Italia vi sono così tante difficoltà a partire con questa tecnologia. Quali sono le normative attuali in materia? Quali le problematiche legislative e sociali nel bel paese? Perché ogni anno viene prevista una crescita di questo settore del 500-600% e invece ogni anno a fatica si arriva al 3% effettivo?

Antonio Lazzari fin da piccolo ha sempre coltivato la passione per l’ambiente. Visse a 15 anni lo scoppio della centrale di Chernobyl che lo lasciò segnato. Senza pensarci due volte, finito il liceo, si iscrisse e si laureò in Scienze Ambientali, laurea che gli permise di lavorare sin da subito “in difesa” dell’ambiente studiando inquinanti ambientali e il modo per contrastarli.

Oggi Antonio Lazzari lavora in un’azienda di installazione di impianti eolici e si trova a contrastare la burocrazia e la normativa italiana in questo campo. “Un impianto minieolico medio è grande all’incirca come un ripetitore per cellulari, però le normative che regolano l’installazione dell’impianto eolico sono molto più restrittive di quelle che regolano l’impianto di ripetitori. Ottenere il permesso per l’installazione di un impianto minieolico ogni volta qui in Italia è un’impresa titanica, perché?”

Nel tempo libero il Dottor Lazzari, oltre a dedicarsi alla famiglia, continua ad occuparsi di ambiente, coltivando l’hobby dell’apicoltura nel territorio del Ravennate dove vive.
Di Marcello Saltarelli

Mauro Buda: Energie rinnovabili, tra miti, realtà e prospettive future

IMG_5764Durante la conferenza “Energie rinnovabili, tra miti, realtà e prospettive future” l’argomento Biomasse sarà affrontato dal Dott. Mauro Buda, Agronomo laureato in Scienze Agrarie all’Università degli Studi di Milano, specializzato in micropropagazione vegetale e trasformazione genetica.

Sulle biomasse il Dottor. Buda si esprime così:
“Attorno alle biomasse si sono dette tante cose, ad esempio, cosa sono? Da dove arrivano? Sono sostenibili? Inquinano? Se sì, quanto inquinano rispetto al metano e al petrolio? Parlerò dei diversi tipi di biomassa, forestale, di rifiuto e del mondo agricolo, cercando di far luce sull’argomento e sui suoi punti fondamentali. Primo tra tutti l’adeguata dimensione dell’impianto di trasformazione rispetto alla dimensione del territorio sul quale questo risiede.”

Mauro Buda scelse di iscriversi a Scienze agrarie per una sua duplice passione: il mondo della coltivazione e il miglioramento genetico. Passione che lo portò alla tesi esterna in genetica vegetale presso la facoltà di Biologia.
Oggi Mauro Buda segue la ricerca e lo sviluppo del comparto di agroenergie, con particolare attenzione per il Biogas da Biomasse e da Reflui zootecnici.

Il Dott. Buda è intervenuto come relatore al Key Energy del 2013 a Rimini per parlare di efficienza Agronomica per la produzione di Biogas e alla fiera di Verona, nel febbraio 2014, in merito alla conservazione dei foraggi per l’alimentazione animale e per le biomasse.

Trascorre il tempo libero dedicandosi alle sue due bambine oppure ad un’altra sua grande passione: la lettura, tanto che il suo Kindle lo accompagna ovunque vada.

Antonella Cardone: Energie rinnovabili, tra miti, realtà e prospettive future

Di Marcello Saltarelli per Minerva Ph Marcello Saltarelli PhotographerIl 20 Maggio la Dott.ssa Antonella Cardone, giornalista professionista, modererà la conferenza “Energie rinnovabili, tra miti, realtà e prospettive future”, organizzata dall’associazione di divulgazione scientifica Minerva.

Antonella Cardone è fondatrice ed editore del quotidiano territoriale SulPanaro.net che tratta di temi di attualità come ambiente, antimafia, diritti delle donne e politica di impresa.

In particolare la dottoressa ha trattato sul suo quotidiano un tema che ci interessa da vicino: la possibile correlazione tra le trivellazioni di Padana Energia sul territorio di Mirandola e il terremoto del 2012.

La giornalista si chiede se è davvero possibile che le trivellazioni aumentino l’attività sismica nella zona emiliana: “Ha senso che il comune di Mirandola ceda il suo territorio e conceda al gruppo Gas Plus SPA di trivellare il terreno, accollandosi il potenziale rischio sismico, per 4.000 euro l’anno di concessione?”

Antonella Cardone collabora con diverse testate giornalistiche (tra cui L’Unità, Repubblica, Italia Oggi e molte altre) e conduce una trasmissione televisiva settimanale su temi di attualità per il canale in Streaming C-100.

Durante una puntata di SulPanaro.net, Antonella Cardone ha avuto modo di intervistare il Dott. Gilberto Bonaga, esperto geologo, che parlerà alla conferenza di Minerva riguardo la rottura degli argini del Secchia, evento che è avvenuto nella notte tra il 19 e il 20 di Gennaio 2014 a San Matteo.

Ulteriore spazio di approfondimento e diretto sempre dalla giornalista è il sito  Laboratorio Politica Bologna, fondato insieme al giornalista Filippo Manvuller. Un prezioso spazio per confrontarsi e riflettere sulla politica e scambiarsi idee concrete nel reciproco rispetto personale.

Sindacalista agguerrita nella difesa dei colleghi giornalisti, nel 2012 la Dott.ssa Cardone scrive e fonda la Carta di Firenze, il primo e unico documento deontologico che definisce la professione del Giornalista. In prima linea nella lotta contro lo sfruttamento dei giornalisti precari, Antonella Cardone nelle battaglie per la dignità dei colleghi ci ha sempre messo la faccia senza tirarsi mai in dietro.

Gilberto Bonaga: Energie Rinnovabili tra miti, realtà e prospettive future

10357980_10152240008378821_917567610_nIl 20 Maggio si terrà la conferenza “Energie Rinnovabili tra miti, realtà e prospettive future” organizzata dall’associazione di divulgazione scientifica “Minerva”. Il Dott. Gilberto Bonaga parlerà di Energia Geotermica spiegandone i diversi aspetti ed utilizzi.

Da dove ci arriva? Come si estrae? Quali sono le sue potenzialità? Che problematiche ha? L’opinione del Dott. Bonaga sull’energia geotermica è chiara: “Non è la bacchetta magica che risolve tutti i problemi energetici dell’Italia, ma può dare un contributo notevole. Abbiamo la fortuna di avere un sottosuolo con enormi potenzialità. Se si lavora correttamente, i vantaggi sarebbero superiori agli svantaggi. Perchè non approfittare di un’occasione che altre nazioni ci invidiano?

Laureato in Scienze Geologiche e specializzato in progettazione di pozzi d’acqua, il Dott. Bonaga è oggi professore aggregato di Geologia Applicata alla Facoltà di Ingegneria e ricercatore confermato dell’Università di Bologna. Il Dott. Bonaga decise di scegliere il percorso di studi nel campo della geologia applicata perché sognava di viaggiare e visitare luoghi irraggiungibili. Sogno che realizzò in pieno. Nella sua carriera ha seguito e coordinato progetti in tutto il mondo: Arabia Saudita, Laos, India, Libya, Niger, Etiopia e molti altri, lavorando per aziende pubbliche, private e ONG. In Niger, alla fine degli anni ‘80, ha vissuto l’esperienza che sicuramente è stata la più soddisfacente: “Abbiamo progettato e costruito 170 pozzi d’acqua per le popolazioni indigene. Non scorderò mai i sorrisi dei bambini e degl’abitanti che prima dovevano camminare per 10 km ogni giorno per arrivare all’acqua.

Persona concreta e pragmatica, Gilberto Bonaga punta a raggiungere un risultato certo nelle sue ricerche e nei suoi progetti. Nella sua vita ha tantissimi hobby, dall’arrampicata alla subacquea, dalla speleologia alla fotografia.

Di Marcello Saltarelli per Minerva Ph Marcello Saltarelli Photographer

Relazione “Scienza e Tecnologia: Attitudini e Conoscenza Pubblica”

L’agenzia governativa americana “National Science Foundation” (NSF) ha recentemente rilasciato un documento chiamato “Scienza e Tecnologia: Attitudini e Conoscenza Pubblica”.
Tale documento incorpora una serie di studi statistici riguardanti le conoscenze scientifiche della popolazione mondiale.

Correct answers to facrual questions in physical and biological sciences, by country/religio
Correct answers to facrual questions in physical and biological sciences, by country/religion: Most recet years

 

Lo studio ha portato alla luce, ad esempio, i seguenti fatti salienti:
– La popolazione tendenzialmente si interessa poco della ricerca spaziale o dell’ambito agricolo, preferendo la sfera sanitaria e l’economia. A metà scala invece troviamo tecnologia e ambiente.
– A titoli di studio più avanzati (indipendentemente dal settore di studi) correlano maggiori abilità scientifiche oltre che maggiori conoscenze e interessi in generale. Il divario di conoscenza tra persone che hanno conseguito una laurea e persone che non hanno raggiunto il diploma di scuola superiore è circa il 35%.
– Le conoscenze scientifiche sono distribuite in modo non sempre uniforme tra i sessi. Per quanto concerne le conoscenze nelle scienze esatte, il divario tra popolazione maschile e femminile è del 14%, in favore della popolazione maschile, mentre nelle scienze biologiche è del 3% in favore della popolazione femminile.

La tabella è stata costruita sulle risposte fornite dalla popolazione mondiale ad una serie di semplici domande a tema scientifico.
I dati inerenti alle risposte sono stati inseriti come percentuale delle risposte esatte fornite dai candidati nelle diverse aree geografiche.

Questi risultati sono pertanto delle indagini statistiche. Sulla base di essi non è ovviamente possibile stabilire la competenza scientifica dei professionisti provenienti dalle diverse nazioni.
Lo studio non vuole in alcun modo evidenziare le differenze geografiche a scopo denigratorio.

Sono ora riportate le percentuali riferite all’Unione Europea e alle aree geografiche con maggiore e minor numero di risposte corrette in relazione ad alcune domande a tema fisico e biologico.

  • “Il centro della terra è molto caldo” (Vero)
    • UE = 86%
    • Korea del Sud = 87%
    • India = 57%
  • “I continenti si stanno movendo da milioni di anni e continueranno a muoversi” (Vero)
    • UE = 87%
    • Korea del Sud = 87%
    • India = 32%
  • “È la terra a girare attorno al sole, o il sole a girare attorno alla terra?” (Terra attorno al sole)
    • UE = 66%
    • Korea del Sud = 86%
    • India = 70%
  • “Tutta la radioattività è artificiale” (Falso)
    • UE = 59%
    • USA = 72%
    • Malaysia = 14%
  • “Gli elettroni sono più piccoli di un atomo” (Vero)
    • UE = 46%
    • Cina = 27%
    • USA = 53%
  • “I laser funzionano focalizzando onde sonore” (Falso)
    • UE = 47%
    • USA = 47%
    • Malaysia = 16%
  • “L’universo è cominciato con una grande esplosione” (Vero)
    • UE = N/A
    • Korea del Sud = 67%
    • India = 34%
  • “È il materiale genetico del padre a decidere se il figlio sarà maschio o femmina?” (Vero)
    • UE = 64%
    • USA = 63%
    • Russia = 22%
  • “Gli antibiotici uccidono i virus come uccidono i batteri” (Falso)
    • UE = 46%
    • USA = 51%
    • Malaysia = 8%
  • – “L’uomo, come lo conosciamo ai giorni nostri, si è evoluto da precedenti specie animali” (Vero)
    • UE = 70%
    • Cina = 66%
    • Russia = 44%

 

Per interpretare i risultati, basta tenere a mente poche semplici regole:
– Punteggi intorno al 50% indicano nessuna istruzione specifica sull’argomento. Infatti in un vero o falso, se tutti i partecipanti rispondessero a caso, si avrebbe un valore di risposte esatte intorno al 50%.
– Punteggi sopra il 75% indicano che esiste su quell’argomento una componente di istruzione per tutti i cittadini.
– Punteggi inferiori al 25% indicano una sistematica disinformazione sull’argomento. Questo può accadere per la mancanza di istruzione, unita a fattori culturali, religiosi, etc.

Il documento integrale (in inglese) lo trovate a questa pagina:http://www.nsf.gov/statistics/seind14/content/chapter-7/c07.pdf
[AS]